Home > News
tecnoindagini news
31/3/2014 - Pordenone: al via la prevenzione in caso di sisma
Piano prevenzione Pordenone

Pordenone: al via la prevenzione in caso di sisma

Per chi si occupa di sicurezza nelle scuole questo è il periodo più delicato: è tempo di pianificare tutti gli interventi da eseguire negli istituti durante l'estate, per sfruttare al massimo la chiusura delle aule e l'assenza degli studenti.
La Provincia di Pordenone è tra gli enti previdenti: per l'estate ha previsto lavori per rendere più sicuri gli edifici in caso di sisma. Ma come stabilire le priorità? E come scegliere la modalità d'intervento migliore? Prima di pianificare un'estate di manutenzione la Provincia vuole conoscere le esigenze e le vulnerabilità di ogni singolo immobile, così da poter entrare nel dettaglio e pianificare interventi efficaci e mirati secondo le priorità.

Come imposto dalla normativa, la Provincia di Pordenone vuole verificare la conformità dei progetti per individuare discrepanze tra la documentazione cartacea e lo stato di fatto. Azione indispensabile per evitare interventi inefficaci e costosi.
Ma vuole anche un'indagine completa, che verifichi ogni componente, sia strutturale che non strutturale, degli 11 edifici scolastici in oggetto.
Un'attenzione da sottolineare, in quanto non tutti comprendono l'importanza di valutare anche gli elementi non strutturali; spesso parlando di sisma si tende a pensare che solo gli elementi strutturali possano diventare pericolosi, ma tutte le vulnerabilità possono causare crolli e situazioni di emergenza.

Per ottenere risultati precisi entro l'estate la committenza si è rivolta ancora una volta a Tecnoindagini Srl. Il RILIEVO DELLE VULNERABILITA' SISMICHE® è il protocollo che consente la verifica di tutti gli elementi dell'edificio, sia strutturali che non strutturali, attraverso indagini snelle e  non invasive per la struttura.  Nella fase preliminare del protocollo è stata verificata la documentazione come da normativa, ora inizia l'analisi di ben 11 istituti superiori, per un totale superiore a 100'000 mq nei quali saranno rilevati tutti i possibili pericoli in caso di sisma, e non solo.

Entro la fine della scuola la committenza avrà tutte le informazioni necessarie per gestire correttamente il parco edilizio e predisporre interventi solo dove necessario e secondo le priorità per la normativa e per la sicurezza degli immobili. La relazione consegnata da Tecnoindagini Srl sarà il supporto fondamentale per disinnescare tutti i pericoli.

Non è facile per i tecnici garantire la sicurezza degli edifici, soprattutto in caso di sisma, ma un piano di prevenzione studiato secondo le vulnerabilità e le priorità riesce a ridurre i rischi e garantire maggiore sicurezza.